Le 10 virtù del vero guaritore

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Le 10 virtù del vero guaritore

Messaggio  Admin il Lun Ott 11, 2010 10:30 am

La prima volta che la mia Master mi ha sottoposto "le dieci virtù del vero guaritore" mi sono resa conto di quanto molte cose vengono date per scontate e per questo perdono il loro reale significato e la loro Sacralità, ed e' per questo che OGGI , decido di sottoporle anche a voi...per muovere una riflessione ...o magari una presa di consapevolezza...o forse per ricordarvi che la via che avete scelto e' una via meravigliosa ma complessa e spesso travagliata. E' una via in cui sei tu col tuo credo e con i tuoi principi a fare la differenza, tu con la tua integrità, con la tua determinazione, con il tuo coraggio e con la purezza del tuo cuore a fare la differenza. Ciò che ti distinguerà da tanti altri non sarà un foglio che attesta chi sei o che competenze hai, ne il sapere mille argomenti o l'avere sempre in tasca tutte le risposte, ciò che ti distinguerà dall'essere un bravo operatore non sarà l'essere perfetto, ne il cercare di sembrarlo....ma CIO’ CHE SEI E COME LO SEI...farà la differenza...Madre Teresa disse una stupenda frase che recitava cosi..
"NON IMPORTA QUEL CHE DAI...QUEL CHE CONTA E' L'AMORE CON CUI LO DAI"
... Ecco... questo fa la differenza...sempre!!!

LE DIECI VIRTU' DEL VERO GUARITORE
COMPASSIONE
CHIAREZZA
UMILTA'
TOLLERANZA
ONESTA ‘E INTEGRITA’
CALMA
FEDE
SPIRITO DÌ SERVIZIO
NON INTERFERENZA
AMORE


Compassione

Ci hanno insegnato a dare alla parola compassione una valenza negativa..ci hanno insegnato che compassione vuol dire provare un sentimento di “pena “ nei confronti dell’altro..compatire qualcuno … quante volte abbiamo detto “lo/la compatisco, provo pena per quella persona “ utilizzando il termine compassione ,il più delle volte, con diffidenza, in quanto indice di un sentimento ritenuto mediocre, che non ha molto a che vedere con l'amore
( infatti , amare qualcuno per compassione significa non amarlo veramente).
Cosa e’ veramente la compassione ?...Com- passione..vuol dire “con sentimento”, vuol dire “partecipo al tuo dolore” vuol dire vivo insieme a te la tua disgrazia, e non solo, ma provo insieme a te qualsiasi altro sentimento: gioia, angoscia, felicità, dolore, rabbia, tristezza.
Vuol dire entrare in empatia con l’altro, instaurare un rapporto empatico e mettere in atto un sentire profondo che mi aiuta a comprendere ciò che l’altro sta provando e ciò di cui ha bisogno.

Chiarezza

E’ una di quelle parole che si usa e si spreca, spesso impropriamente, ma in questo contesto ci limiteremo a comprendere perché per un “guaritore” e’ importante la comprensione di tale termine.
Chiarezza, con se stessi, nel guardarsi dentro, nel riconoscere i propri nodi e i propri limiti, chiarezza nel porsi di fronte all’altro , nell’ascolto dell’altro , nel parlare con l’altro. chiarezza perché se l’altro per noi e’ uno specchio in cui ci riflettiamo, come pensiamo di poterci riflettere se non abbiamo tolto tutte le maschere … ? ciò vuol dire che quello che il nostro riflesso ci mostrerà sarà una maschera …. i nostri limiti saranno i limiti di chi arriva da noi … e se non abbiamo portato chiarezza dentro di noi , come facciamo a distinguere i nostri limiti o le nostre maschere da quelle del’altro? Come facciamo a capire se e’ uno specchio, se e’ il suo o il nostro bisogno? Come facciamo a distinguere il nostro da quello dell’altro?e soprattutto .. se non siamo chiari con noi stessi ..cosa possiamo passare all’altro?..se le nostre acque non sono limpide come possiamo pensare di donare all’altro una fonte pura e cristallina dove possa specchiarsi..riflettersi … dissetarsi .. o magari immergersi per rinnovarsi?

Umiltà

L’umiltà’ e’ il più grande dono che tutti i più grandi Maestri ci hanno fatto! Essere umile vuol dire essere consapevoli di non avere mai tutte le verità in tasca, vuol dire essere consapevoli che ogni punto di arrivo e’ in realtà un altro traguardo raggiunto ed un nuovo punto di partenza, vuol dire avere la forza ed il coraggio di mettersi sempre in gioco, di credere profondamente ,ma con la certezza che il rispetto per l’altro determina i tuoi limiti. Essere una persona umile vuol dire non smettere mai di imparare … anche quando il libro e’ arrivato alla fine, anche quando gli esami sono finiti, anche quando raggiungi le più alte vette …. la consapevolezza che in ogni uomo , in ogni gesto, in ogni evento che gravita nella tua vita , si nasconde la prossima lezione da imparare o la prossima prova da superare o il prossimo gradino da salire! Essere umili vuol dire non avere paura di dire “ho sbagliato” “ non avevo compreso”..ed essere pronti ad imparare sempre, a riflettersi in ogni specchio , ha riconoscere i propri limiti e ad impegnarsi per migliorarli. Scegliere di fare la propria parte… sempre e comunque

Tolleranza

La tolleranza nasce da un atteggiamento di accettazione di ciò che è diverso in quanto parte del tutto."Tollerare in senso fisico, vuol dire sopportare un peso, sopportare un fardello, In senso metaforico vuol dire resistere al freddo, sopportare il dolore, quindi la capacità fisica e/ o spirituale di sopportare. Il termine tolleranza e’ espresso da diversi punti di vista ma per ognuno la voce comune e’ capacità di sopportare,di accettare, ciò che e’ diverso da noi, sopportare ciò che e’ al di fuori o più forte o più pesante o più doloroso . La parola tolleranza ha a che fare con quello che viene individuato come “altro da me”, ed e’ tra tutte , forse quella più legata al nostro SE, alle nostre radici, a ciò che fortemente siamo. Infatti
- l’accettazione di se,
- la tolleranza verso ciò che si è,
- la capacità di accettare i propri limiti,
- le proprie ombre,
sono tutti ingredienti fondamentali senza i quali non riesci ad aprirti verso l’altro … come fai ad accettare gli altri se non accetti te stesso? e come fai a tollerare “l’altro da te” se non accetti il tuo” altro da te”, se non riesci a delimitare i parametri tra dentro e fuori? Tollerare vuol dire rispettare le idee ed i comportamenti di se stessi e degli altri.
John Stuart Mill nel suo “Saggio sulla libertà” scrisse: “Gli esseri umani avranno molto da guadagnare se ciascuno tollererà che gli altri vivano come meglio credono, invece di vivere come meglio credono gli altri

Onestà ed Integrità

“ Dire sempre la verità anche se a volte e’ difficile” questo e’ il senso di queste due parole.
Essere Onesti vuol dire portare la verità, portare la chiarezza, anche se a volte la verità fa male, la verità e’ dura, alcune volte anche a scapito nostro. La verità e’ legata al reale bisogno e non a ciò che gli altri vogliono , e’ legata a ciò che sei non a ciò che gli altri vogliono che tu sia, a ciò che realmente ti serve e non a ciò che tu vuoi.
Essere onesti con se stessi significa guardarsi dentro anche quando fa male e portare fuori la propria verità a scapito del giudizio , del pregiudizio e di quant’altro.
Essere onesti con gli altri significa portare all’altro la verità, sempre e comunque, anche quando e’ difficile, anche quando sai che gli stai provocando dolore, anche quando sai che la sua verità potrà ledere alla tua persona.
Essere Integri vuol dire essere interi e autentici . Essere integro significa essere "intero", puro, vuol dire non scendere a compromessi. L’integrità richiede centratura, forza, e coraggio e questo fornisce maggior solidità. La comprensione e l’armonizzazione delle diverse parti di sé ci porta verso l’integrità
Integrità significa fare quello che diciamo di voler fare, tenendo fede alle promesse che facciamo a noi stessi, Significa fare ciò che è giusto a prescindere dalla situazione.

Calma

Calma vuol dire” ritrovare il proprio respiro, il proprio ritmo interno”, vuol dire aprirsi all'ascolto di noi stessi nel profondo e degli altri intorno a noi ,in questo istante ed in questo luogo , qui e ora!
Per avere la giusta calma, bisogna annullare tutti i ostacoli e le distrazioni e impegnarsi a sviluppare il pensiero e la concentrazione,bisogna portare il silenzio dentro di noi, incentrando l'attenzione presente alla qualità di ogni singolo momento e di ogni singola azione come se fosse la più importante.
La calma è una realtà interiore che germoglia ogni giorno, che si conquista con le scelte che si compiono nella vita quotidiana, è una migliore coscienza e conoscenza di se stessi e del mondo che ci circonda.
La coscienza di vivere in pace ci fa trovare la giusta chiave di lettura di ciò che ci succede intorno, ci da la capacità di interpretare e comprendere gli eventi ,e la predisposizione giusta per affrontarli in modo imparziale, dandoci una visione di insieme più ottimista anche al cospetto di una difficoltà.
La coscienza dell'anima pulita, un codice etico, l'onestà intellettuale e il guardare alla realtà con una giusta visione portano alla "verità dell’essere", procurando la Calma interiore..

Fede

”Fede” non è accettazione senza dimostrazione, come si e’ sentito dire spesso, ma fiducia senza riserve. “fede” vuol dire la capacità di aprirsi all’ulteriorità, a qualcosa di più, di oltre, vuol dire credere in qualcosa o in qualcuno profondamente. L’etimologia della parola deriva da fides che vuol dire fiducia, quindi aver fede vuol dire credere affidandosi totalmente. Vuol dire fidarsi ed affidarsi. Vuol dire guardare a se stessi ed alla propria vita con la certezza assoluta che tutto ciò che gravita intorno a noi ha un senso e una finalità.
Il primo “qualcuno di cui dobbiamo aver fede siamo noi stessi, dobbiamo fidarci ed affidarci.
Avere fede vuol dire avere un credo : compassione , chiarezza , umiltà tolleranza , integrità , onestà calma, sono tutte virtù che compongono un credo, sono i supporti, i pilastri su cui poni la base che e’ lo “spirito di servizio”. Senza queste fondamenta non puoi metterti al servizio dell’altro, perché e’ attraverso la fede che riesci ad aiutare l’altro, che riesci a trasmettere all’altro l’importanza di ciò che sta facendo, ed e’ sempre attraverso la fede che ricordi a te stesso e all’altro chi sei veramente e quale e’ il tuo compito nel mondo. Quando passi il tuo credo, la tua fede dai all’altro la possibilità di aprirsi all’ulteriorità, a quel molto di più che fino ad allora non aveva tenuto in considerazione.

Spirito di Servizio

Avere Spirito di Servizio vuol dire intanto essere consapevoli di ciò che si e’ nel più profondo, conoscere i propri bisogni e se stessi totalmente e completamente,vuol dire prendere la propria parte , quella più sacra, quella più preziosa e metterla al servizio dell’altro, cioè donarla all’altro e al suo bisogno.
Essere attivo nel fare il bene, guardarsi intorno e guardare all’altro con attenzione , rendersi utile cercando di approfondire le proprie competenze, le proprie capacità e le abilità tecniche. Nutrire e sviluppare un forte senso del proprio dovere, un forte senso di responsabilità verso l’altro e la coscienza che il lavoro va vissuto come servizio. Lo spirito di servizio è scuola di attenzione agli altri, dove generosità , altruismo, empatia, e capacità di donare e di donarsi diventano le materie principali.

Non Interferenza

il cammino che un essere umano sta percorrendo, qualsiasi esso sia, è sacro, e come tale deve essere considerato. Un viaggio sacro è un viaggio che deve essere completato, affinché da esso ne venga tratta la lezione in esso nascosta, e il viaggio sarà completato meglio se non verrà ostacolato da interferenze.
La non interferenza e’ la cosa più difficile da imparare, perche ‘ quando scegli di prenderti qualcuno a carico, quando ti metti al servizio dell’altro, e ti colleghi col suo bisogno pensi di volerlo aiutare in tutti i modi che conosci e quindi anche attraverso consigli o pareri o magari punti di vista, o alcune volte semplicemente per spirito di protezione, per evitare che faccia un errore o per preservarlo da ciò che fa male …. ma non e’ cosi semplice … non interferenza significa sostenere, supportare ma non interferire col cammino dell’altro, significa stare a guardare anche se a volte fa male, anche se sappiamo come andrà a finire, significa saper ascoltare ed essere capaci di non rispondere, saper sostenere ma essere capaci di lasciare andare quando arriva il momento,saper comprendere ed accettare con la piena consapevolezza che il cammino dell’altro e’ solo suo ..a noi non e’ dato invitarlo a cambiare strada, a noi e’ dato soltanto di fare la nostra parte, nella certezza che in qualche modo, qualunque sia il nostro ruolo in quel momento e’ la cosa giusta per la persona che e’ arrivata da noi. Non interferenza vuol dire accettare il proprio compito senza riserve. Non interferenza vuol dire imparare l’ascolto, l’accoglienza, il silenzio,in questo modo si impara anche ad avere una visione d’insieme più completa, priva di condizionamenti e priva di coinvolgimenti emotivi , oltre ad avere la certezza assoluta che ciò che in seguito avverrà si trovava nel sentiero scelto dall’utente.

Amore

Cosa e’ l’amore tra le virtù di un guaritore?
L’amore e’ il presupposto primo per accedere ad ogni singola virtù, e il presupposto ultimo per metterle in atto tutte e dieci.
Senza l’amore per se stessi e per tutta l’umanità’ non possiamo pensare di metterci al servizio dell’altro .
L’amore incondizionato crea uno scambio e più l’amore e’ sincero e puro più lo scambio si mette in atto generando una circolarità , ed in questo scambio, e in questa circolarità che si genera un flusso energetico sempre più forte .
L’energia che un guaritore mette in atto e’ pura energia d’amore che da se stesso viene donata all’altro.
Il trattamento Reiki e’ un atto d’amore e prescinde da giudizi condizionamenti,o altro e in ogni trattamento noi mettiamo compassione, chiarezza, umiltà, tolleranza ,integrità, onestà, calma, fede, spirito di servizio, e non interferenza.
Quando scegliamo di praticare Reiki scegliamo di prenderci cura di noi regalando a noi per primi questi principi, e in seguito scegliamo di prenderci cura anche degli altri.
Con l’attivazione al primo livello doniamo a noi stessi queste dieci virtù e scegliamo di nutrirle e svilupparle perché ci crediamo profondamente, perche vogliamo evolverci, perché ci rendiamo conto di fare parte di un tutto di cui anche noi vogliamo essere parte attiva, ecco cosa vuol dire lavorare su di se.
Con l’attivazione al secondo livello prendiamo queste dieci virtù che si presuppone abbiano avuto da noi le dovute attenzioni, le dovute cure, e sono cresciute e si sono sviluppate al meglio, e le mettiamo al servizio dell’altro e quando scegliamo di farlo il nostro cuore e’ aperto e puro.
Una piccola nota va fatta anche alla parola VIRTU’ .
La virtù e’ una qualità dell’anima , e’ la disposizione a fare il bene per se stesso e per gli altri senza aspettarsi nulla in cambio, e’ la capacità di trasformare il buio in luce, e in quanto tale e’ una qualità che si acquisisce, che si impara. Non si nasce virtuosi, lo si diventa guardando al mondo in modo diverso ..."Non si vede bene che col cuore,l’essenziale e’ invisibile agli occhi" (Il piccolo principe).


Certamente un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi rassomigli, ma lei sola e’ più importante di tutte voi, perché e’ lei che ho innaffiato, perché e’ lei che ho messo sotto una campana di vetro, perché e’ lei che ho riparata col paravento, perché su di lei ho ucciso i bruchi. Perché e’ lei che ho ascoltato lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta tacere. Perché e’ la mia rosa” (Il piccolo principe).
Virtuoso e’ colui che ha compreso che per guarire bisogna “aver cura”, e che nell’aver cura c’è una grande presa di responsabilità verso se stessi e verso gli altri.
Virtuoso e’ colui che ha compreso che ogni altro e’ un pezzo di te, perché e’ attraverso l’amore la cura e l’attenzione , che il miracolo della creazione ha inizio.
Virtuoso e’ colui che comprende che ogni singola rosa e’ la sua rosa.
…. "è il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa cosi importante, tu sei responsabile della tua rosa , non dimenticare questa verità." ( Il piccolo principe).

Angel
avatar
Admin
Admin
Admin

Messaggi : 13
Data d'iscrizione : 17.05.10

Vedi il profilo dell'utente http://reikivittuone.naturalforum.net

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum